HomePage | Chi Siamo | Prodotti | AreaPreventivi | Guide | Glossari | News | Cerca | NewsLetter | Directory | Collaborazioni | Contatti | Feed RSS allFinWeb.com
Messaggio pubblicitario con finalità promozionale | Condizioni del Servizio | Privacy | Partner Sponsor
Prestiti Personali Mutui Cessione Quinto Stipendio e Pensione OnLine

Il traguardo della pensione di anzianità si sta allontanando

8 May 2010

L’ultima riforma. Il trattamento anticipato si può incassare solo se, sommando i dati anagrafici e quelli assicurativi, si raggiungono le soglie previste
Nel 2010 in vigore quota 95 con almeno 59 anni di età. Dal 2011 si sale a 96. Le donne possono lasciare prima, ma con penalità

 
Una rincorsa sempre più lunga. Scalino dopo scalino il traguardo della pensione di anzianità si sta allontanando. Dal 1˚ luglio del 2009 è entrato, infatti, in vigore il meccanismo delle quote che ha sostituito il paventato «scalone», introdotto nel 2004 dalla riforma Maroni, vale a dire il brusco passaggio da 57 a 60 anni del requisito anagrafico da accompagnare ai 35 di contribuzione. L’ultima riforma ha ammorbidito i requisiti, ma il sentiero è rimasto impervio. Continua »

Nella Ue sono più i nuovi pensionati che i nuovi lavoratori

16 April 2010

In Europa il numero di persone che nel 2010 andranno in pensione supererà quello dei giovani che si affacceranno sul mercato del lavoro di circa 220mila unità. Lo ha calcolato l’ufficio studi del gruppo Allianz, basandosi su dati Eurostat. Questo gap, scrive la compagnia assicurativa in uno studio pubblicato nei giorni scorsi, è destinato ad aumentare costantemente nel corso degli anni, man mano che la generazione del baby boomer andrà in pensione. Nel 2030 i nuovi pensionati saranno 8 milioni e 300mila in più dei nuovi lavoratori. Continua »

Nuovo minimo storico per i tassi sui mutui.

17 March 2010

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Roma, 17 mar - Nuovo minimo storico per i tassi sui mutui alle famiglie per l’acquisto dell’abitazione. Lo indica l’Abi nel rapporto mensile nel quale, inoltre, segnala un vero e proprio ‘boom’ per le erogazioni a tasso variabile che rappresentano ormai l’80% dei nuovi prestiti. Il tasso medio a febbraio (media tra il tasso fisso e il tasso variabile) e’ sceso al nuovo minimo del 2,68% (2,75% a gennaio) nettamente al di sotto del dato dell’area euro (3,57% a gennaio). Riguardo alle nuove erogazioni, a gennaio, secondo i dati di un campione dell’Abi di 107 banche (90% del sistema), sono ammontate a 2,3 miliardi di cui oltre 1,8 miliardi a tasso variabile. La crescita del mercato dei mutui, dopo il rallentamento del 2009, mostra un tasso annuo a gennaio del 7% (+1,8% media area Euro).

Convegno Fiaip a Bergamo. Tra i temi esposti, la cessione del quinto dello stipendio

19 February 2010

In una fase di transizione del sistema economico è necessario saper affrontare le nuove prospettive, mantenendo salda la propria identità professionale. Mentre sul piano fiscale gli studi di settore sembrano ormai superati da una situazione economica radicalmente mutata, in ambito normativo sono sotto esame le categorie degli agenti immobiliari e mediatori creditizi, che lamentano la scarsa capacità di ascolto del legislatore. Infine la leva creditizia, che potrebbe far ripartire il mercato immobiliare, viene riattivata mediante nuovi strumenti finanziari come la cessione del quinto. Continua »

Tremonti: sulle pensioni la riforma è già fatta

16 February 2010

BRUXELLES - “Non esiste alcun tipo di buco, c’è solo un fatto di contabilizzazione assolutamente noto”. Così il ministro dell’Economia Giulio Tremonti ha commentato le voci di un possibile buco da 9 miliardi. Da Bruxelles, al termine dei lavori dell’Ecofin, Tremonti ha anche parlato di pensioni, correggendo la rotta rispetto a quanto detto dal premier Berlusconi solo pochi giorni fa: “Molti in Europa hanno problemi con le pensioni, ma da noi non è un problema. Noi la riforma l’abbiamo già fatta”. Continua »

La cessione del quinto dello stipendio

29 January 2010

LE CARATTERISTICHE DELLA CESSIONE DEL QUINTO
- La cessione del quinto è un finanziamento a tasso fisso con rimborso a rate costanti ma con la differenza che il rimborso delle rate non viene effettuato dal richiedente bensì dal suo datore di lavoro (o dall’istituto previdenziale nel caso di pensionati) e il relativo importo è trattenuto direttamente dal netto in busta paga (o dalla pensione). Il datore di lavoro è pertanto il soggetto deputato a versare le rate a favore dell’Istituto che ha erogato il prestito.
Si parla di cessione del quinto in quanto l’importo della rata di rimborso non può normalmente eccedere la quinta parte dello stipendio netto mensile. Continua »

Più 8% per la cessione del quinto

13 January 2010

La cessione del quinto dello stipendio o della pensione come strumento per il superamento del periodo di crisi è uno dei mezzi sempre più utilizzati. Lo stato italiano, infatti, regolamenta sia le percentuali massime della rata da cedere (un quinto appunto) sia le modalità di detrazione della cifra pattuita che viene recuperata attraverso la trattenuta automatica da busta paga effettuata direttamente dal datore di lavoro. Continua »

L’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) a tutela del cliente.

26 December 2009

Bankitalia ha predisposto l’Arbitro Bancario Finanziario (ABF), figura già attiva ma di cui non si è parlato e che va a sostituire l’ex giurì bancario istituito dall’ABI anni fa. Questa figura del giurì comunque resterà attiva per i contenziosi in materia di investimenti, di solito competenza della Consob.

Questo sembra un sistema più rapido, facile ed economico rispetto al passato, dato che prima si era obbligati a ricorrere al giudice civile e adesso questa è la soluzione in extremis se anche il tentativo dell’arbitro non si ritiene soddisfacente. L’arbitro si occuperà di tutte i contenziosi per mutui, conti correnti, fidi, applicazione di tassi d’interesse, cessioni del quinto non superiori a 100mila euro e per fatti bancari stipulati in data non antecedente al primo gennaio del 2007. Continua »

Mutui: nuove soglie di usura

26 December 2009

La soglia oltre la quale i tassi, riguardanti i mutui a tasso fisso, sono considerati usurai, passa dal 6,69% all’8,04%. Per ciò che concerne i mutui a tasso variabile, la soglia è invece scesa al 4,38%. Questo è quanto emerge dal decreto ministeriale pubblicato sul sito del ministero dell’Economia. Il tetto è fissato dalla Banca d’Italia ogni trimestre, e l’applicazione delle nuove soglie partirà dal 1 gennaio 2010 ed avrà scadenza 31 marzo 2010. Continua »

Carte di credito, sms anti-clone.

26 December 2009

Come tutelarsi contro le clonazioni, i furti e la perdita di carte di credito? Il servizio di comunicazione via sms dell’utilizzo della carta è la mossa migliore. Secondo l’associazione dei consumatori Aduc, infatti, è buona norma controllare regolarmente l’estratto conto della carta di credito: e dati i tempi molto veloci con cui si consumano le truffe, l’sms potrebbe costituire uno strumento davvero efficace per neutralizzare subito i truffatori. Una volta compreso che qualcosa sta succedendo alle nostre spalle sulla carta di credito, prima di tutto è necessario fare una denuncia tempestiva alla polizia o ai carabinieri: poi va contattata la società emittente, di solito la propria banca, attraverso il numero verde, chiedendo il blocco immediato della carta. Continua »